Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Cenni storici

Nunzio Mazzilli

L’ENAP, Ente Nazionale di Addestramento Professionale, nacque a Roma il 18 gennaio 1960 grazie all’iniziativa della POA (Pontificia Opera di Assistenza) e dell’ONARMO (Opera Nazionale di Assistenza Religiosa e Morale degli operai).

La costituzione dell’ENAP fu il momento di arrivo e di svolta di un’intensa e vasta attività organizzata dal 1948 al 1959 dai Centri di Addestramento professionale aperti dal CNAP - POA per la formazione degli adulti, dei disoccupati, per la qualificazione professionale dei giovani, per il loro inserimento nel mercato produttivo e la loro integrazione nella vita sociale del paese.

L’istituzione dell’ENAP, quale Ente a se stante, con figura morale e giuridica definita, si era resa ancor più necessaria con l’avvento del MEC (Mercato Comune Europeo), nel 1957, che provocava una radicale trasformazione nell’economia italiana e richiedeva un rinnovamento delle strutture e dei servizi, soprattutto nel campo della formazione, riqualificazione, specializzazione dei lavoratori.

Nel corso degli anni 60, anche grazie a diversi provvedimenti governativi volti a migliorare l’efficienza scolastica e la formazione professionale dei giovani in cerca di prima occupazione, l’ENAP realizzò un’importante attività con l’istituzione di 37 Centri di Addestramento Professionale su tutto il territorio italiano e l’organizzazione complessiva di 1422 corsi per lavoratori disoccupati con circa 42.000 allievi e 1256 corsi normali per giovani lavoratori con oltre 22.000 allievi. Dal 1971 al 1982 l’ENAP costituì 50 centri di formazione operanti in diversi settori economici. “Corsi di aggiornamento” tecnico-didattico furono organizzati in modo continuativo per migliorare qualitativamente l’attività dei suoi centri di formazione professionale e aggiornare le conoscenze del personale interno docente. Il patrimonio delle iniziative e delle attività dell’ENAP andò sempre più consolidandosi ed espandendosi.

In quarant’anni di attività, l’ENAP ha sostenuto i giovani in cerca di occupazione, i soggetti in condizioni di svantaggio sociale, e coloro che avevano perso il lavoro, offrendo loro l’opportunità di acquisire nuove conoscenze per reinserirsi e di conquistare una propria dignità personale e professionale. I programmi e i progetti dell’ENAP hanno spesso anticipato i passaggi evolutivi della Formazione Professionale in Italia, grazie al fatto che il suo primo obiettivo è sempre stato quello di coniugare le esigenze del mercato con le potenzialità e le competenze dei giovani che decidono di intraprendere un percorso formativo coerente ed efficace.

Nel 1990 l’ENAP ha adeguato la sua struttura alle nuove esigenze formative, trasformando le delegazioni regionali, con cui aveva fino ad allora operato, in strutture territoriali che agiscono con autonomia propria nell’ambito delle direttive quadro di coordinamento e controllo dell’ente nazionale. Nel 1996 è stata costituita l’EnAP Puglia.